Rimozione riflesso

Video tutorial su richiesta per la risoluzione di un difetto dovuto ad un riflesso in macchina. Vediamo come risolvere il problema entrando nei canali per fare una valutazione in merito alla problematica e per individuare il metodo più semplice per ovviare.

11 pensieri su “Rimozione riflesso

    • Caro Luca, se hai un flare (e quindi una perdita di contrasto) in una parte della tua immagine, non è detto che, per eliminarlo, basterà ricostruire l’area compromessa con lo strumento clone. Certo, se l’area risulta non avere una texture, si può fare come dici tu. Avrei potuto benissimo farlo anch’io, ma volevo insegnare un metodo più corretto per ripristinare il contrasto o la luminosità dei canali perduta, prendendo spunto da una segnalazione (anche se la foto non era il massimo per quest’esempio).
      Se ti troverai di fronte ad una problematica con particolari rovinati (non piatti), magari … per ipotesi … sulla manica di una camicia a righe, proprio in un punto in cui il braccio piega, forse, e dico forse, ripenserai al tuo commento un pochino frettoloso nei miei riguardi. Con amicizia. Giulio

  1. Propio in questi giorni ho cercato di applicare le nozioni sui canali e le selezioni tramite i canali a questo tipo di problema, ma non riesco bene a risolvere situazioni più complesse, in cui per esempio hai 2 flare che si sovrappongono ecc.
    Come ad esempio in questa foto:
    http://tinyurl.com/82kqa9d

    Alla fine questi flare sono zone con dominanti cromatiche da correggere, ma non riesco a selezionare bene le zone da correggere per farci la maschera e poi usare i livelli. Potresti fare un tutorial avanzato anche su questo argomento oltre a questo? Anche l’esempio usato su nikonclub andrebbe bene.

    Come semre grazie Giulio

    • Ciao Matti, in questa situazione io userei due metodi: per il sopra, vista la struttura speculare, selezionerei la parte sinistra, poi copia e incolla o cmd/ctrl+J per duplicare in un nuovo livello; opportune modifiche per differenziarlo quel tanto che basta e punto. La parte di sotto è più articolata come lavorazione. Io lavorerei con delle selezioni fatte in maschera veloce con il pennello per il flare piccolo per portarlo al colore e alla luminosità del flare più largo. Fatto questo affinerei il lavoro con il clone. Selezionerei il flare che è la somma dei due e li porterei al colore e luminosità dei gradini vicini, affinando anche qui il lavoro con le clonazioni. I gradini neri con il flare subiranno una lavorazione analoga con selezioni rettangolari più semplici. Altra prova: duplica il livello sfondo e invertilo (già qui il flare sopra si estremizza); mettilo in metodo Differenza e ottieni un flare sui gradini più estremizzato. Naturalmente ho valutato la foto in bassa e non riesco a vedere il dettaglio per fare altre lavorazioni sulle selezioni. 😉

      • Effettivamente quella foto è a bassa risoluzione, è la prima che avevo trovato free (è di wikipedia) per farti un esempio di cosa intendessi per flare un po’ complesso.
        Infatti in questi giorni sul forum di fotografia che seguo un utente ha postato una sua foto affetta da lens flare (http://tinyurl.com/844rjzk) e per esercizio ho provato a rimuoverlo traendo spunto dai tuoi tutorial. L’impresa però è un po’ ardua poichè i flares non sono omogenei cromaticamente su tutta la loro area: ai bordi sono più intensi, c’è un alone intorno e le zone di sovrapposizione.
        Di partenza pensavo che la correzione cromatica con le curve andesse applicata attraverso una maschera che tenesse conto di queste eterogeneità ma mi risulta difficile fare bene proprio tale maschera.
        Forse sbaglio approccio o esigo un po’ troppo 🙂

        • Ciao Matti, la foto che hai postato è una di quelle che automaticamente ti rinfresca la memoria sui nomi di tutti i santi del calendario 😀 A parte gli scherzi, il consiglio che ti posso dare, premesso che su foto come questa si lavora, è quello di individuare il canale con meno problema (il blu in questo caso). Fai una selezione adeguata della parte e copiala negli altri canali compromessi. Otterrai una sezione dell’immagine in grigio, ma con meno problema. Per ridare un po’ di colore, crea un nuovo livello vuoto, imposta il clone sul metodo Colore e con l’opzione di campionamento Attuale e sotto e procedi. Nella parte delle gambe delle persone, là devi procedere con più attenzione, meglio se in un livello separato. Insomma tutto ciò per dirti che ogni immagine ha le sue caratteristiche e per ognuna bisogna studiarsi il metodo migliore. Guarda però sempre la struttura dei canali. 😉

  2. Bello come sistema ma…. (ti complico la vita) come ci si deve comportare in caso di riflessi analoghi su sfondi non omogenei di colore (es. riflesso del sole sulla lente sopra le montagne)?
    GRAZIE!!!

    • Caro Andrea sono altre le cose che mi complicano la vita, tipo le tasse 😀 Scherzo, guarda un po’ questo esempio di lavorazione che ho postato sul forum NCI in risposta ad una problematica analoga alla tua. Vedrai che molte cose si possono fare, certo non tutto. Però sapendo identificare bene il problema e conoscendo bene il programma, riuscirai in tante occasioni a risolvere. 😉 Giulio

  3. Ottimo…! Ci stai abituando troppo bene…Certo sei un ottimo maestro!
    Ciao
    Un saluto anche dalla persona con il golf macchiato…ahahahah..
    M@x

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *