6 pensieri su “Spazi Colore

  1. Più che farti i complimenti per questo blog, ti devo dire GRAZIE 🙂 perché proprio in questo momento della mia vita voglio trasformare una passione in un lavoro e il tuo blog è sicuramente uno dei primi punti fondamentali da cui sto partendo per professionalizzarmi maggiormente. E ho anche in mente di venire a fare i tuoi corsi ;-).
    A tal proposito ti chiedo qualche consiglio proprio sull’aspetto lavorativo di questa professione: burocrazia per avviare l’attività, prospettive di successo ecc ecc. Naturalmente, siccome sono ASSOLUTAMENTE OFF TOPIC, ti chiedo di rispondermi alla mia mail (sempre se hai tempo e voglia di rispondermi, in caso contrario non mi offenderò).

    Per non essere del tutto O.T. voglio approfondire una cosina, dato che (probabilmente per non dilungarti troppo nel video) hai scelto una scorciatoia :P.
    Benché sostanzialmente plausibile (ma soprattutto benché sbrigativo :D), è improprio dire che la “K” di CMYK sta per blacK. In realtà è l’iniziale di “Key”, in riferimento alla “key plat”. In pratica, nella stampa in quadricromia si usa un procedimento di separazione dei colori per produrre tante diverse immagini quanti sono gli inchiostri usati. L’immagine corrispondente al nero è quella che contiene più dettagli e la lastra di stampa corrispondente è quindi detta “lastra chiave” (key plate, in inglese). Per non usare la lettera B (confondibile con Blue) si è scelto di usare la K, con riferimento a tale lastra, per indicare il nero. 🙂

    • 🙂 Ebbene sì, maledetto Carter … (per chi si ricorda SuperGulp). Hai descritto come un libro stampato il concetto di lastra chiave. Naturalmente ho utilizzato la forma errata, ma più utilizzata, per significare l’acronimo CMYK senza entrare troppo in tecnicismi. E’ giusta la tua annotazione e per gli amici del blog che volessero approfondire (nota di servizio) possono fare riferimento alla tecnologia CTP (Computer To Plate) per addentrarsi un pochino di più nelle problematiche di stampa, che non fa mai male. Detto questo (anzi grazie per l’appunto), a breve ti scriverò privatamente per la domanda iniziale. Un caro saluto. Giulio

  2. Grazie per il tutorial. Molto ben spiegato. Aspetto gli altri per approfondire questo aspetto molto interessante e del tutto ignorato da noi principianti sia di fotografia che di fotoritocco.

Rispondi a luigi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *